Nel celeberrimo film “Amadeus” il regista Miloš Forman immagina quasi in maniera surreale che l’ispirazione per la genesi dell’opera “Il flauto magico” arrivò per mezzo delle urla della suocera di Mozart, che lo rimproverava per la condizione di vita allo stato brado al quale era arrivato, tra alcool e donne. E sono proprio gli strilli della suocera che generano nella mente di Mozart tutta quella serie di note acutissime cantate dalla Regina della Notte nell’opera, la cui aria è forse una tra le più famose al mondo. Questo è solo un aneddoto romanzato, ma la celebrità dell’opera è tale da aver reso questo singspiel, ovvero un’opera con parti miste tra recitato e cantato, tra le più rappresentate tra le opere di Mozart.

Alla fine del 1790 Mozart rifiutò di recarsi a Londra, dove già si trovava Haydn, malgrado un’offerta cospicua. Egli non volle lasciare Vienna, le sue amicizie, le sue abitudini, nonostante si trovasse in precarie condizioni economiche. A salvarlo dalla situazione arrivò, nel marzo del 1791, Emanuel Schikaneder, dinamico cantante-impresario che cercava da tempo di risollevare le sorti del Singspiel dalla concorrenza della musica italiana. Egli dirigeva il Theater auf der Wieden e progettava la creazione di un’opera fiabesca sulla base di un libretto che egli stesso aveva redatto traendolo da una fiaba, “Lulu oder die Zauberflöte”, unendovi tutta una serie di personaggi buffi e passaggi scherzosi e propose a Mozart di realizzarla insieme.

La prima rappresentazione avvenne al Theater auf der Wieden di Vienna il 30 settembre 1791 con lo stesso Schikaneder (Papageno) e Josepha Hofer, cognata di Mozart (Regina della notte), diretti dal compositore. Il primo atto non riscosse molto successo, tanto che il musicista, amareggiato, durante l’intermezzo era quasi deciso di lasciar perdere; dopo gli incoraggiamenti degli amici riprese la direzione e portò a termine la rappresentazione che ebbe infine molto successo. Nelle numerose repliche successive il successo crebbe, conquistando definitivamente il pubblico.

 

LEGGI TUTTO L’ARTICOLO SUL MAGAZINE