Siamo stati al Teatro Alighieri di Ravenna per il titolo di Nabucco svolto in forma concerto.
Il teatro era al completo con un grande sold out e nei corridoi si vedevano persone provenire da tutto il mondo per la bacchetta del Maestro Muti.
L’orchestra della cherubini ha incantato con dinamiche e colori e possiamo dire che ogni elemento di questa orchestra è parte integrante dell’eccellenza che il Maestro è riuscito a portare.
Il cast era di eccellente qualità Serban Vasile, Nabucco, ha incantato con il suo timbro brunito ma sempre brillante regalando momenti di fortissima intensità. Ismaele è Riccardo Rados che, dotato di uno strumento naturale di rara bellezza e di gran carisma, ci auguriamo di vedere in ruoli ancora più grandi.
Zaccaria è Evgeny Stavinsky dotato di un bel canto e di molto gusto musicale.
Una menzione d’onore va ad Abigaille, Lidia Fridman, che avevamo già visto precedentemente a Parma per “I lombardi alla prima crociata”, ma qui per un debutto fuori dal comune, in questo ruolo di Abigaille che fa tremare grandissimi nomi del panorama lirico mondiale; per lei è un ruolo molto adatto per colore di voce e per momenti di rara intensità musicale che è riuscita a regalare.
Lidia siamo sicuri che brillerà in moltissimi altri ruoli perché un debutto del genere a soli 27 anni ci fa dire con certezza che c’è un nuovo grande talento nel panorama lirico mondiale.
Fenena è Francesca Di Sauro, un voce timbrata sicura anche nell’acuto finale dell’aria – molto temuto da tutti i mezzosoprani – , lei invece lo affronta, come tutto il ruolo, con grande sicurezza dando un carattere deciso al personaggio di Fenena.
La sua sonorità equilibrata tra timbro e squillo permette alla giovane ventinovenne di farsi sentire anche nei momenti più complicati, ottima esibizione per Francesca.
Anche il Gran Sacerdote di Belo Adriano Gramigni, Abdallo di Giacomo Leone e Anna di Vittoria Magnarello danno prova di consapevolezza vocale musicale e ritmica. Infatti il cast, nonostante la difficoltà dell’opera Nabucco, è sempre a tempo e in connessione con il Maestro Muti.
Questa connessione tra artisti e Maestro si lega a sua volta al pubblico e questa è la grande magia che compie il Maestro Muti rendendo il pubblico parte integrante dello spettacolo.
Non perdetevi il prossimo spettacolo dell’opera Nabucco al teatro Alighieri di Ravenna.
Ricordiamo inoltre il gala sempre diretto dalla bacchetta del Maestro Muti al teatro di Ravenna.
OperaLife