La prima scaligera si sa tiene incollati migliaia di spettatori. Quest’anno sarà possibile godersela sia dal grande schermo sia grazie ai  trasmettitori audio-video posizionati che permetteranno a più di 10000 mila persone di godere di questo spettacolo incredibile, un’iniziativa fortemente voluta dal Comune di Milano e sostenuta da Tommaso Sacchi, “perché il Teatro e l’Opera devono essere messi a disposizione della gente” ribadisce.
Il Don Carlo non è una novità per il Teatro alla Scala e nemmeno il suo cast, infatti ritroviamo il Baritono Luca Salsi nel ruolo di Rodrigo, Marchese di Posa.
Il basso Michele Pertusi nel ruolo di Filippo II e due leonesse e indiscusse regine del mondo della lirica Anna Netrebko nei panni di Elisabetta di Valois ed Elīna Garanča nel ruolo de La Principessa d’Eboli.
Il protagonista che dà il nome all’opera, Don Carlo appunto, sarà interpretato dal tenore Francesco Meli.
La regia firmata da LLUÍS PASQUAL, che il teatro scaligero vuole mettere in scena, è una regia che sottolinea la fragilità dei suoi personaggi ed il senso di solitudine si evince come sentimento primario durante tutta l’opera.
I costumi sono tradizionali e hanno la firma di Franca Squarciapino.
Il Maestro è niente meno Riccardo Chailly, che ci racconta la scelta dei dettagli che ha voluto ricreare con gli artisti, dando così una ritmica perfetta alla volontà di Verdi e l’importanza in quest’opera delle dinamiche che arrivano fino a noi.
Quest’opera si preannuncia un successo e la mente e la capacità di Dominique Meyer unisce ancora di più un cast formidabile alla precisa bacchetta del Maestro Chailly.
Stiamo tutti aspettando la prima.
Ci vediamo il 7 dicembre!

Alessandra Gambino