Elisir d'amore

Il magico Elisir d'amore ci porta in un piccolo villaggio dove troviamo Adina, una giovane ragazza intelligente, spiritosa e anche un po' capricciosa. Nemorino, invece, è un ragazzo ingenuo e sincero, innamorato della bella ragazza. Lei, tuttavia, non ricambia perché è alla ricerca di un uomo ricco e sicuro che individua in Belcore, il gradasso sergente che la corteggia. 

Add a comment

Leggi tutto

Pagliacci

Il sipario è chiuso e Taddeo si presenta sul proscenio come “Prologo” che introduce il pensiero dell’autore, vero e proprio manifesto verista.
La storia inizia con l’arrivo della compagnia di Canio in un paese del sud Italia per mettere in scena una commedia.

Add a comment

Leggi tutto

Il Barbiere di Siviglia

Rosina, bella e giovane ragazza, attira le attenzioni del Conte di Almaviva. Il Conte, dopo essersi presentato all’amata con il falso nome di Lindoro, per conquistarla chiede l’aiuto del barbiere tutto fare. Figaro gli consiglia di travestirsi da soldato, procurandogli così un alloggio. Il tutore, anch’egli innamorato della ragazza, percepisce il pericolo di perdere la sua amata e decide perciò di anticipare le nozze. Convocando Don Basilio, viene a conoscenza della presenza in città del conte e dei sentimenti che il nobile prova per Rosina. Basilio suggerisce al tutore di calunniare il conte, così da potersi mostrare migliore del rivale agli occhi dell’amata.

Add a comment

Leggi tutto

Simon Boccanegra pt. 2

Sala del Consiglio. Il Doge è seduto sul trono, con i Consiglieri riuniti, e chiede la pace con Venezia. Da fuori si ode un tumulto e si vede Gabriele Adorno inseguito dalla folla e lotte tra popolo e patrizi; Boccanegra fa aprire le porte e la situazione si calma. Gabriele ha ucciso Lorenzino per il rapimento di Amelia ed accusa il Doge di essere il mandante, tenta quindi di assassinarlo ma Amelia gli fa scudo con il suo corpo. La donna racconta quindi l’accaduto e dice di essere stata liberata dopo aver minacciato la vendetta di Simone, ma il mandante è un’altra persona, presente in sala. A questo punto patrizi e plebei iniziano ad accusarsi a vicenda, il Doge riporta la pace (aria “Plebe, Patrizi, Popolo”) e chiede a Paolo di maledire con lui il traditore. L’uomo, atterrito e colpevole, è costretto a farlo.

Add a comment

Leggi tutto

Simon Boccanegra pt. 1

Siamo a Genova, verso la metà del XIV secolo. Imperversano le lotte intestine tra patrizi e plebei; Paolo, filatore d’oro e Pietro, popolano, discutono sulla prossima elezione del Doge. Decidono di proporre il dogato a Simone Boccanegra, corsaro al servizio della Repubblica, il quale subito rifiuta. Per convincerlo Paolo gli dice che la sua amata Maria è rinchiusa nel palazzo dei Fieschi e che essi non oserebbero rifiutarla al Doge in persona; sentito ciò l’uomo si convince ed accetta. Partiti i due esce dal principesco palazzo il nobile Jacopo Fiesco, piangendo la morte dell’amata figlia Maria e maledicendo il vile che l’aveva sedotta; distrutto si rivolge pregando alla Madonna (celebre aria “Il lacerato spirto”)

Add a comment

Leggi tutto

  • 1
  • 2