L’amicizia tra Nietzsche e Wagner

Il rapporto tra Nietzsche e Wagner, nato a casa di Hermann Brockhaus – cognato del musicista, si trasformò ben presto in un’intensa amicizia che durò per più di sette anni. I due, tra cui nacque un sodalizio artistico-filosofico, erano alcuni fra i personaggi di maggior spicco e rilievo dell'epoca; capaci d'influenzare l'idea generale europea.

Tra Wagner e Nietzsche fin da subito scoppiò un'empatia fortissima, quasi fatale per il filosofo, poiché essi condividevano la stessa visione del mondo e dell'arte. Nietzsche aveva una vera e propria venerazione per l'amico musicista perché lo considerava il congiungimento tra etica e pathos, capace con la sua musica di dare voce a ciò che voce non aveva (come ad esempio la Natura). La teoria dietro al “superuomo” nietzschiano è, tra l’altro, molto vicina alla profonda introspezione psicologica wagneriana.

Add a comment

Leggi tutto

Il segreto di Maria Callas

Tutti, per i 40 anni della scomparsa della Divina, racconteranno la sua storia, il suo mito, i teatri conquistati, ma questa non è Maria. E' ciò che ha fatto e non ciò che era. Maria Callas ha fatto storia non solo per il successo che ha avuto, ma anche per il personaggio che era e che spesso andava in contrasto con la sua immensa fragilità interiore.

Add a comment

Leggi tutto

Maria Callas, la Divina

Diva, divina, usignolo Maria Callas è uno dei soprani più famosi e controversi della storia della musica lirica.

Mary Ann Kalogeropoulou, al secolo Maria Callas, nasce nel 1923 a New York e raggiunge l’apice della sua carriera negli anni ’50. Grazie alle sue performance si guadagna i soprannomi di Divina e usignolo per la sua sorprendente vocalità. La Callas, infatti, era in grado di raggiungere sia i bassi da mezzosoprano sia gli acuti dei soprano di coloratura. Questa tessitura vocale rese praticamente illimitato il suo repertorio. Da Rossini a Verdi, l’usignolo era in grado di far rivivere sul palco qualsiasi personaggio, non solo per la vocalità sublime dell’artista, ma anche e soprattutto grazie alla sua eccezionale capacità interpretativa. Lo conferma Enrico Stinchelli che scrive «alle qualità vocali, non da tutti comprese e accettate, la Callas abbinava capacità sceniche e interpretative senza uguali: i suoi gesti, gli sguardi, ogni minimo movimento contribuivano a sondare la psicologia del personaggio».

Add a comment

Leggi tutto

Il soprano Chiara Taigi incanta la Russia

Dopo lo straordinario successo riscosso nel ruolo di Tosca, a grande richiesta, il soprano di fama internazionale Chiara Taigi ritorna in Russia, indossando stavolta i panni di Liza e misurandosi con una delle più grandi opere di Pëtr Il'iĉ Čajkovskij: “La Dama di Picche”. Accompagnata dall'orchestra Tchajkowsky, che quest'anno festeggia il Jubileum dalla nascita, l’opera, andata in scena nel mese di aprile, ha conquistato il plauso di pubblico e critica. La Dama di Picche, un capolavoro russo della prosa di Aleksandr Sergeevič Puskin, è tra le opere più rappresentate al mondo. Nel 1890, il musicista Pëtr Il'iĉ Čajkovskij rappresentò a Pietroburgo l'opera in tre atti, ispirata al racconto di Puskin. Tutti i personaggi si saldano con l'invenzione musicale, adeguandosi al supremo testo puskiniano.

Add a comment

Leggi tutto

L'Opera nei Talent Show

E dopo l’Opera nei Simpson, oggi parleremo di un altro ambito molto seguito che ha spesso e volentieri a che fare con l’Opera. Stiamo parlando dei Talent Show che ogni anno, in tutti i paesi del mondo, raccolgono le speranze di milioni di persone che desiderano coronare il sogno della loro vita.

Ne esistono diversi, ma tutti questi show televisivi hanno lo stesso punto in comune: portare alla fama chi, dopo aver superato le selezioni e dato prova del suo valore, riesce ad arrivare fino alla fine del percorso. Come dicono gli stessi giudici non basta avere solo doti e talento, ma son necessari anche molta dedizione ed impegno.

Add a comment

Leggi tutto